Offerte Carrefour




OFF SIDE - L'ALTRA FACCIA DELLA CALABRIA. Conduce Giovanni De Grazia. 6^ puntata: Avvelenamento di trote presso l'azienda BIOITTICA DELLA SORGENTE - Carlopoli








Spazio Disponibile

Ricerca

FARMACIE DI TURNO

logo_farmacia

STASERA IN TV


stasera-in-tv-finale

IL METEO

Il Meteo

LIBRI IN RECENSIONE

libri

Rubbettino
La vita oltre l'euro di Ernesto Preatoni con Giancarlo Mazzuca. RUBBETTINO EDITORE
La vita oltre l'euro di Ernesto Preatoni con Giancarlo Mazzuca. RUBBETTINO EDITORE Perché da sette anni l’economia dell’Italia va a fondo? Perché alcuni Paesi dell’Unione Europea crescono, mentre altri sono sull’orlo del...
Rubbettino
La camera grassa. Una dieta per i consigli regionali degli sprechi di Salvo Toscano RUBBETTINO EDITORE
La camera grassa. Una dieta per i consigli regionali degli sprechi di Salvo Toscano RUBBETTINO EDITORE Non ci sono solo la camera alta di Palazzo Madama e quella bassa di Montecitorio nella geografia della casta italiana. C’è una terza camera,...

Home arrow In Città arrow Cronaca arrow Il padrino Giuseppe Giampà si è pentito perchè aveva paura

Il padrino Giuseppe Giampà si è pentito perchè aveva paura

giovedì, 29 agosto 2013

giuseppe-giampE' trascorso quasi un anno da quando Giuseppe Giampà, dopo il suo arresto nell'operazione "Déjà Vu", ha iniziato a collaborare con la giustizia. In un colloquio con la moglie nel carcere manifestò preoccupazione per la situazione che si era creata in città

Sono trascorsi 25 mesi e 8 giorni dal momento in cui Giuseppe Giampà, figlio del boss Francesco soprannominato il "professore", fu sottoposto a fermo di indiziato di delitto dalla Squadra Mobile di Catanzaro, poi trasformato in custodia cautelare in carcere nell'ambito dell'operazione "Déjà Vu". Insieme a lui, con l'accusa di estorsione aggravata dal metodo mafioso ai danni di due imprenditori, G. C. e A. C. impegnati nella realizzazione di complessi edilizi in città, furono fermati Domenico Chirico, Angelo Torcasio e Battista Cosentino. Questi ultimi, dopo pochi giorni dal loro fermo, decisero di diventare collaboratori di giustizia, incominciando così a delineare gli scenari delle organizzazioni criminali lametine nei diversi settori dell'economia locale, sgretolando quel muro di omertà che circondava la cosca Giampà.
Dichiarazioni che contribuirono inoltre a delineare lo scenario giudiziario che il 26 giugno del 2012 si tradusse nell'importante operazione "Medusa", che portò in carcere ben 35 persone tra capi, gregari ed affiliati all'omonima cosca. Tra i destinatari del provvedimento anche il "professore" e Giuseppe Giampà che, dopo 13 mesi dal suo primo arresto, decise di diventare anche lui collaboratore di giustizia "svelando" tutti gli affari della cosca di cui era diventato "il padrino", dopo la scissione all'interno della stessa famiglia con lo zio Vincenzo Bonaddio, anche lui finito nel vortice delle inchieste "Medusa" e "Perseo".

Ma perché l'ex padrino ha deciso di trasformarsi da «pericoloso e cruente criminale» che sentenziava la morte degli avversarsi, in un collaborate ai giustizia svelando così il perverso intreccio malavitoso? Un interrogativo al quale tutti cercano di dare una risposta, anche perché nei verbali, così come hanno fatto gli altri collaboratori, non ha mai spiegato il motivo della sua scelta di diventare un collaboratore di giustizia.
Giuseppe Giampà, probabilmente, ha deciso di abbandonare la famiglia di appartenenza e diventare un "assistente" dello Stato perché anche lui, come gli altri pentiti, temeva delle ritorsioni, delle vendette da parte delle cosche avversarie o addirittura dall'interno della stessa famiglia. Un aspetto, questo, che emerge da un colloquio avvenuto all'interno del carcere di Siano con la moglie Francesca Meliadò, ancor prima di essere raggiunta dal provvedimento restrittivo nell'ambito dell'operazione "Medusa". In questo colloquio, infatti, la moglie manifesta di avere paura per «Mario» e confessa di non dormire la notte. Per questo il marito le suggerisce di dire a Mario» di andarsene da Lamezia. Probabilmente «Mario» è un parente della Meliadò che temeva per la sua incolumità personale e non solo.
Durante il colloquio marito e moglie mostrano forte preoccupazione per la situazione che si era venuta a creare in città. Ma a spingere Giuseppe Giampà a diventare un "servitore" della giustizia, oltre a temere per la sua incolumità e quella dei parenti, sono state anche le dichiarazioni di alcuni collaboratori, soprattutto quelle di Saverio Cappello che lo accusava di essere coinvolto in più azioni omicidiarie così come è emerso dagli atti di "Perseo", che lo vedono mandante di diversi omicidi compiuti in città dal 2004 al 2011.
Giuseppe Giampà ha deciso di diventare collaboratore di giustizia dopo circa 13 mesi dal suo arresto, ed esattamente il 6 settembre del 2012, chiedendo «tramite un familiare di essere sentito, in quanto è mia volontà iniziare un rapporto di collaborazione con la giustizia».
Le dichiarazioni di Giuseppe Giampà hanno consentito alla Dda di Catanzaro, ma soprattutto agli uomini della sezione della criminalità organizzata della Squadra Mobile di Catanzaro, di scoprire «una holding criminale con svariati rami d'azienda, truffe, droga, estorsioni, a cui partecipavano anche professionisti come medici, avvocati, periti e con legami con la politica».
Una cosca quella dei Giampà che per anni, così come emerge dal materiale probatorio che sorregge i molteplici provvedimenti emessi, ha imposto «il dominio soffocante e oppressivo del territorio lametino, da sempre al centro degli interessi, spesso contrapposti, di cruente organizzazioni mafiose la cui sete di potere, di fatto, ha finito con l'impedire alla popolazione civile e agli onesti operatori commerciali l'esercizio di quelle libertà fondamentali, di scelta, di iniziativa economica, di voto, che sono patrimonio irrinuncia bile dell'uomo».
Giuseppe Giampà, fino al giorno del suo arresto, era "Padrino" della omonima cosca, ed aveva «l'autorità, in quanto figlio de "U Prufissuri" di prendere ogni decisione finale, anche in ordine al compimento di azioni omicidiarie per conto della cosca, di dirimere controversie tra gli affiliati, di gestire il controllo del territorio in generale e il traffico degli stupefacenti in particolare e, a partire dal gennaio 2011, di gestire tutte le estorsioni sul territorio di competenza (Nicastro) e zone limitrofe nonché di ordinare omicidi, costituendo altresì importante elemento di collegamento con la ramificazione del "locale" sito in Giussano, in provincia di Milano, attraverso i rapporti privilegiati con Antonio Stagno, soprattutto per l'approvvigionamento di armi e droga».
Un soggetto al quale si rivolgevano in molti anche per compiere atti intimidatori ed omicidi. Come nel caso di un politico che «si rivolse a lui per compiere un atto intimidatorio» o di un soggetto, parente di un altro politico, che si rivolse sempre a Giampa, come riferì in un interrogatorio Angelo Torcasio, «per eliminare una persona che essendo gestore di una ditta di videopoker, faceva concorrenza, dando fastidio, a un altro commerciante del settore amico di Giuseppe Giampà». (Gazzetta del Sud - G.na.)

Commenti Facebook:

0 Commenti

Non vi sono commenti. Sii il primo a commentare questo articolo!

Inserisci un commento
Non verrà pubblicata

Notificami via e-mail le risposte
Ortografia Ortografia

Lameziainstrada su Facebook

Bellezze Nostrane

"bellezze" nostrane!!!

Scrivi a Lameziainstrada

email2

Trasmettici le tue segnalazioni !!!

News Associazione ACU


logo_ACU-Calabria_finale

dom lun mar mer gio ven sab
40 set set set 01 02 03 04
41 05 06 07 08 09 10 11
42 12 13 14 15 16 17 18
43 19 20 21 22 23 24 25
44 26 27 28 29 30 31 nov
Prossimi eventi:

Non ci cono prossimi eventi.

Oggi, 2014/10/31
Italia, IT

Il Sole Sorge: 07:53
Tramonta: 17:32

Luna:
First Quarter Moon

Accesso Utente





Accessi dal 01/01/2012

Città, Lametino e Calabria

Cronaca Lamezia Terme
OPERAZIONE "CHIMERA 2": «Occupati gli spazi vuoti lasciati dalla cosca Giampà»
OPERAZIONE L'associazione di tipo mafioso-'ndranghetistico opera nel territorio lametino, almeno a far data dal 2009, tesa — sin dal 2012 in poi - ad occupare gli spazi lasciati vuoti a seguito della...
Politica Lamezia Terme
Giancarlo Nicotera – Segretario cittadino Udc: «La campagna elettorale del sindaco Speranza con la posa della prima pietra del PALA-LAMEZIA»
Giancarlo Nicotera – Segretario cittadino Udc: «La campagna elettorale del sindaco Speranza con la posa della prima pietra del PALA-LAMEZIA» La campagna elettorale entra nel vivo ed il nostro Sindaco, con tanto di giunta al seguito, esce dal torpore  decennale che lo ha accompagnato nell’amministrazione della città per sfoggiare presunti...
Sanità
PUGLIESE-CIACCIO di Catanzaro: un anno per fare una risonanza. L'odissea di una donna che prenota l'esame e le dicono di tornare ad ottobre 2015
PUGLIESE-CIACCIO di Catanzaro: un anno per fare una risonanza. L'odissea di una donna che prenota l'esame e le dicono di tornare ad ottobre 2015 MONTEPAONE - Un dolore atroce ad un ginocchio. La rotula gonfia e la presenza di liquido. Tutto questo induce una donna, residente a Montepaone, a recarsi dal proprio medico di base. Dopo la visita,...
Politica Calabria
Forza Nuova Cosenza contro scritti e manifesti elettorali abusivi
Forza Nuova Cosenza contro scritti e manifesti elettorali abusivi La campagna elettorale per le elezioni regionali in Calabria non è ancora entrata nel vivo che già da subito si vedono gli atti deprecabili e di vandalismo sui muri pubblici e lungo le strade...
Politica Lamezia Terme
LAMEZIA TERME: in consiglio comunale altre quattro inutili ore di dibattito. Non si è deciso NIENTE!!!
LAMEZIA TERME: in consiglio comunale altre quattro inutili ore di dibattito. Non si è deciso NIENTE!!! Dopo quasi quattro ore di dibattito cos'ha deciso il consiglio comunale? NIENTE. Si doveva parlare dello stato di salute della Multiservizi, che non brilla, e di nuove assunzioni da parte...

Nazionale e Mondo

Sport
SERIA A TIM 8a GIORNATA
SERIA A TIM 8a GIORNATA Nell’anticipo del sabato:Empoli-Cagliari: poker al Castellani, i sardi di Zeman tirano dritto e asfaltano i toscani; in gol Sau (31’), doppietta di Danilo (36’ e rigore al 38’) ed Ekdal (45’)....
Economia
FISCO: Italia paradiso fiscale per i cinesi
FISCO: Italia paradiso fiscale per i cinesi ROMA - La Cina è l'ottavo Stato al mondo nella classifica delle economie nazionali con un più significativo livello di evasione fiscale e l'Italia è al primo posto in Europa per evasione fiscale da...
Attualità
Tchaikovsky e Institut Supérieur de Musique de Sousse: partiti gli scambi culturali, le masterclass e le attività concertistiche
Tchaikovsky e Institut Supérieur de Musique de Sousse: partiti gli scambi culturali, le masterclass e le attività concertistiche Dopo la stipula dell’Accordo di Cooperazione Internazionale tra il “Tchaikovsky” e l’“Institut Supérieur de Musique de Sousse” in Tunisia, ossia la più grande Accademia Musicale Statale governata dal...
Cronaca
CANADA: di orgini calabresi il soldato ucciso ieri dal killer convertito all'Islam che aveva tentato di irrompere nel Parlamento
CANADA: di orgini calabresi il soldato ucciso ieri dal killer convertito all'Islam che aveva tentato di irrompere nel Parlamento OTTAWA: poteva essere un massacro. A un giorno di distanza dall'attacco al Parlamento di Ottawa, l'attentato più clamoroso della storia canadese, il pericolo corso è chiaro a tutti, nonostante sulle...
Attualità
MUSEI: lo scandalo custodi. Centinaia di addetti e i siti restano chiusi nei giorni festivi
MUSEI: lo scandalo custodi. Centinaia di addetti e i siti restano chiusi nei giorni festivi «Venticinque addetti della Regione per la gestione di uno spazio di poco più di duecento metri quadri non riescono ad assicurare l'apertura del Museo del Satiro di Mazara del Vallo nei giorni festivi...

Scuola e Rubriche

ANGOLO GIOVANI di A. Filardo
Autunno di contestazioni di Alessandro Filardo
Autunno di contestazioni di Alessandro Filardo La situazione globale attuale sta palesando tutte le difficoltà in cui sono irrimediabilmente scivolate le società più avanzate.Un momento in cui la crescita economica sfrenata subisce una clamorosa...
Scuole
LIBRIAMOCI, maratona di lettura in classe
LIBRIAMOCI, maratona di lettura in classe Dal 29 al 31 Ottobre organizzati appuntamenti di lettura in oltre 150 scuole calabresi Pronti i programmi, scelti testi e protagonisti, LIBRIAMOCI - iniziativa  del Ministero dei Beni e delle...
Scuole
I candidati al Comitato Studentesco del Campanella sottoscrivono un “codice etico delle candidature”
I candidati al Comitato Studentesco del Campanella sottoscrivono un “codice etico delle candidature” Svolgere la campagna elettorale con correttezza e trasparenza, non cumulare incarichi, adottare le misure più opportune per evitare “conflitti di interesse” tra la funzione che si ricopre e...
Spazio Domenico Romeo
La Vigor Lamezia, la Reggina e gli "anni ruggenti"
La Vigor Lamezia, la Reggina e gli Un derby di Calabria dal sapore un pò atipico, si svolgerà domenica 26.10.2014 alle ore 14,30 allo stadio D’ Ippolito di Lamezia Terme. Vigor Lamezia e Reggina, due squadre, due storie, due destini...
Spazio Domenico Romeo
Cosenza, presentazione del libro "Droghe da stupro e nuove sostanze psicoattive"
Cosenza, presentazione del libro Si terrà venerdì 24.10.2014, alle ore 17,30 presso la Sala degli Specchi del Palazzo della Provincia di Cosenza, la presentazione del libro "Droghe da stupro e nuove sostanze psicoattive". L’opera,...
Free Joomla Templates by JoomlaShine.com