Offerte Carrefour




OFF SIDE - L'ALTRA FACCIA DELLA CALABRIA. Conduce Giovanni De Grazia con la partecipazione di Pasqualino Rettura. 9^ puntata: la storia della DIAPERS & PADS Srl, un caso di malagiustizia








MERCEDES CLASSE A

ISO KALOR

MERCEDES CLASSE A

ANGOLO LOCANDINE

Ricerca

FARMACIE DI TURNO

logo_farmacia

STASERA IN TV


stasera-in-tv-finale

IL METEO

Il Meteo

LIBRI IN RECENSIONE

libri

Rubbettino
La Calabria rinascimentale, tra storia e mito, nel nuovo romanzo di Santo Gioffrè. Esce per Rubbettino "Il Gran Capitan e il mistero della Madonna nera"
La Calabria rinascimentale, tra storia e mito, nel nuovo romanzo di Santo Gioffrè. Esce per Rubbettino Santo Gioffè, già autore del fortunato romanzo “Artemisia Sanchez”, dal quale è stato tratto una fiction RAI di successo torna in libreria con un...
Rubbettino
Esce per Rubbettino “La vita dimenticata” storie di Alzheimer e di altre demenze di Francesca Frangipane con Amalia Bruni e Rosanna Colao
 Esce per Rubbettino “La vita dimenticata” storie di Alzheimer e di altre demenze di Francesca Frangipane con Amalia Bruni e Rosanna Colao Un parroco di provincia non riesce più a dire messa, si strafoga di prosciutto il venerdì santo e dall’altare guarda i suoi fedeli sgranocchiando...

Home arrow In Città arrow Cronaca arrow Il padrino Giuseppe Giampà si è pentito perchè aveva paura

Solo Offerte !!! Il sito della convenienza

Il padrino Giuseppe Giampà si è pentito perchè aveva paura

giovedì, 29 agosto 2013

giuseppe-giampE' trascorso quasi un anno da quando Giuseppe Giampà, dopo il suo arresto nell'operazione "Déjà Vu", ha iniziato a collaborare con la giustizia. In un colloquio con la moglie nel carcere manifestò preoccupazione per la situazione che si era creata in città

Sono trascorsi 25 mesi e 8 giorni dal momento in cui Giuseppe Giampà, figlio del boss Francesco soprannominato il "professore", fu sottoposto a fermo di indiziato di delitto dalla Squadra Mobile di Catanzaro, poi trasformato in custodia cautelare in carcere nell'ambito dell'operazione "Déjà Vu". Insieme a lui, con l'accusa di estorsione aggravata dal metodo mafioso ai danni di due imprenditori, G. C. e A. C. impegnati nella realizzazione di complessi edilizi in città, furono fermati Domenico Chirico, Angelo Torcasio e Battista Cosentino. Questi ultimi, dopo pochi giorni dal loro fermo, decisero di diventare collaboratori di giustizia, incominciando così a delineare gli scenari delle organizzazioni criminali lametine nei diversi settori dell'economia locale, sgretolando quel muro di omertà che circondava la cosca Giampà.
Dichiarazioni che contribuirono inoltre a delineare lo scenario giudiziario che il 26 giugno del 2012 si tradusse nell'importante operazione "Medusa", che portò in carcere ben 35 persone tra capi, gregari ed affiliati all'omonima cosca. Tra i destinatari del provvedimento anche il "professore" e Giuseppe Giampà che, dopo 13 mesi dal suo primo arresto, decise di diventare anche lui collaboratore di giustizia "svelando" tutti gli affari della cosca di cui era diventato "il padrino", dopo la scissione all'interno della stessa famiglia con lo zio Vincenzo Bonaddio, anche lui finito nel vortice delle inchieste "Medusa" e "Perseo".

Ma perché l'ex padrino ha deciso di trasformarsi da «pericoloso e cruente criminale» che sentenziava la morte degli avversarsi, in un collaborate ai giustizia svelando così il perverso intreccio malavitoso? Un interrogativo al quale tutti cercano di dare una risposta, anche perché nei verbali, così come hanno fatto gli altri collaboratori, non ha mai spiegato il motivo della sua scelta di diventare un collaboratore di giustizia.
Giuseppe Giampà, probabilmente, ha deciso di abbandonare la famiglia di appartenenza e diventare un "assistente" dello Stato perché anche lui, come gli altri pentiti, temeva delle ritorsioni, delle vendette da parte delle cosche avversarie o addirittura dall'interno della stessa famiglia. Un aspetto, questo, che emerge da un colloquio avvenuto all'interno del carcere di Siano con la moglie Francesca Meliadò, ancor prima di essere raggiunta dal provvedimento restrittivo nell'ambito dell'operazione "Medusa". In questo colloquio, infatti, la moglie manifesta di avere paura per «Mario» e confessa di non dormire la notte. Per questo il marito le suggerisce di dire a Mario» di andarsene da Lamezia. Probabilmente «Mario» è un parente della Meliadò che temeva per la sua incolumità personale e non solo.
Durante il colloquio marito e moglie mostrano forte preoccupazione per la situazione che si era venuta a creare in città. Ma a spingere Giuseppe Giampà a diventare un "servitore" della giustizia, oltre a temere per la sua incolumità e quella dei parenti, sono state anche le dichiarazioni di alcuni collaboratori, soprattutto quelle di Saverio Cappello che lo accusava di essere coinvolto in più azioni omicidiarie così come è emerso dagli atti di "Perseo", che lo vedono mandante di diversi omicidi compiuti in città dal 2004 al 2011.
Giuseppe Giampà ha deciso di diventare collaboratore di giustizia dopo circa 13 mesi dal suo arresto, ed esattamente il 6 settembre del 2012, chiedendo «tramite un familiare di essere sentito, in quanto è mia volontà iniziare un rapporto di collaborazione con la giustizia».
Le dichiarazioni di Giuseppe Giampà hanno consentito alla Dda di Catanzaro, ma soprattutto agli uomini della sezione della criminalità organizzata della Squadra Mobile di Catanzaro, di scoprire «una holding criminale con svariati rami d'azienda, truffe, droga, estorsioni, a cui partecipavano anche professionisti come medici, avvocati, periti e con legami con la politica».
Una cosca quella dei Giampà che per anni, così come emerge dal materiale probatorio che sorregge i molteplici provvedimenti emessi, ha imposto «il dominio soffocante e oppressivo del territorio lametino, da sempre al centro degli interessi, spesso contrapposti, di cruente organizzazioni mafiose la cui sete di potere, di fatto, ha finito con l'impedire alla popolazione civile e agli onesti operatori commerciali l'esercizio di quelle libertà fondamentali, di scelta, di iniziativa economica, di voto, che sono patrimonio irrinuncia bile dell'uomo».
Giuseppe Giampà, fino al giorno del suo arresto, era "Padrino" della omonima cosca, ed aveva «l'autorità, in quanto figlio de "U Prufissuri" di prendere ogni decisione finale, anche in ordine al compimento di azioni omicidiarie per conto della cosca, di dirimere controversie tra gli affiliati, di gestire il controllo del territorio in generale e il traffico degli stupefacenti in particolare e, a partire dal gennaio 2011, di gestire tutte le estorsioni sul territorio di competenza (Nicastro) e zone limitrofe nonché di ordinare omicidi, costituendo altresì importante elemento di collegamento con la ramificazione del "locale" sito in Giussano, in provincia di Milano, attraverso i rapporti privilegiati con Antonio Stagno, soprattutto per l'approvvigionamento di armi e droga».
Un soggetto al quale si rivolgevano in molti anche per compiere atti intimidatori ed omicidi. Come nel caso di un politico che «si rivolse a lui per compiere un atto intimidatorio» o di un soggetto, parente di un altro politico, che si rivolse sempre a Giampa, come riferì in un interrogatorio Angelo Torcasio, «per eliminare una persona che essendo gestore di una ditta di videopoker, faceva concorrenza, dando fastidio, a un altro commerciante del settore amico di Giuseppe Giampà». (Gazzetta del Sud - G.na.)

Commenti Facebook:

0 Commenti

Non vi sono commenti. Sii il primo a commentare questo articolo!

Inserisci un commento
Non verrà pubblicata

Notificami via e-mail le risposte
Ortografia Ortografia

Lameziainstrada su Facebook

Edil Brico S.r.l.

Edil_Brico_Logo_205

Bellezze Nostrane

"bellezze" nostrane!!!

Scrivi a Lameziainstrada

email2

Trasmettici le tue segnalazioni !!!

News Associazione ACU


logo_ACU-Calabria_finale

News ed informazioni
ACU CALABRIA: l'Eni dovrà riconoscere indennizzo a oltre 100mila clienti per disservizi su bollette
ACU CALABRIA: l'Eni dovrà riconoscere indennizzo a oltre 100mila clienti per disservizi su bollette L’avv. Sergio Tomaino, Presidente di ACU Calabria, informa che l’Eni dovrà riconoscere 25 euro di...
dom lun mar mer gio ven sab
49 nov 01 02 03 04 05 06
50 07 08 09 10 11 12 13
51 14 15 16 17 18 19 20
52 21 22 23 24 25 26 27
01 28 29 30 31 gen gen gen
Prossimi eventi:

Non ci cono prossimi eventi.

Oggi, 2014/12/18
Italia, IT

Il Sole Sorge: 09:04
Tramonta: 16:47

Luna
26 giorni

Ultime Notizie

SERIE A TIM 15a GIORNATA
SERIE A TIM 15a GIORNATA Nell’anticipo del sabato:Palermo-Sassuolo:...
Vibo Valentia: celebrazione eucaristica del precetto natalizio interforze
Vibo Valentia: celebrazione eucaristica del precetto natalizio interforze In occasione delle imminenti festività natalizie...
Consiglio comunale convocato Giovedì 18 Dicembre 2014
Consiglio comunale convocato Giovedì 18 Dicembre 2014 La Presidenza del Consiglio comunale di Lamezia...

Accesso Utente





Accessi dal 01/01/2012

Città, Lametino e Calabria

Notizie varie Calabria
Vibo Valentia: celebrazione eucaristica del precetto natalizio interforze
Vibo Valentia: celebrazione eucaristica del precetto natalizio interforze In occasione delle imminenti festività natalizie è stata officiata presso la chiesa “Santa Maria La Nova” di Vibo Valentia, da Mons. Enzo Varone, dai cappellani militari don Vincenzo Ruggiero e don...
Politica Lamezia Terme
Consiglio comunale convocato Giovedì 18 Dicembre 2014
Consiglio comunale convocato Giovedì 18 Dicembre 2014 La Presidenza del Consiglio comunale di Lamezia Terme comunica che l'assemblea consiliare è stata convocata per Giovedì 18 Dicembre 2014 alle ore 15:30 presso la sede di Unioncamere Calabria sita in...
Notizie varie Lametino
Platania (Cz): Concerto di Natale dei Cori polifonici del lametino nella Chiesa San Michele Arcangelo
Platania (Cz): Concerto di Natale dei Cori polifonici del lametino nella Chiesa San Michele Arcangelo «Anche quest’anno le note natalizie di alcuni Cori del lametino risuoneranno tra le volte dell’antico tempio di Platania durante l’atteso concerto di Natale». Ad annunciarlo è stata  Maddalena...
Politica Calabria
Michele Trematerra dirigente UDC: "Bene fa Matteo Renzi a portare i GIOCHI 2024 in Italia ma coinvolga anche la Calabria"
Michele Trematerra dirigente UDC: “Matteo Renzi con i ‘Giochi 2024’ punta su un evento memorabile che darà senz’altro la possibilità al Paese di guardare oltre. E’ una sfida che l’Italia fa bene ad accettare e ad accettarla, come...
Politica Calabria
Calabria Etica, come fare rete e creare lavoro puntando sul riutilizzo dello spreco alimentare. Importante intesa con Qui Foundation
Calabria Etica, come fare rete e creare lavoro puntando sul riutilizzo dello spreco alimentare. Importante intesa con Qui Foundation Puntare sullo spreco alimentare per creare occasioni di lavoro e riutilizzare una gran quantità di cibo altrimenti perso. E’ quanto emerso dall’interessante seminario svoltasi presso il Centro...

Nazionale e Mondo

Sport
SERIE A TIM 15a GIORNATA
SERIE A TIM 15a GIORNATA Nell’anticipo del sabato:Palermo-Sassuolo: vittoria per i siciliani che iniziano con Rigoni al 3’ e terminano con Belotti al 90’; per i neroverdi, solo Pavoletti all’85’. Lazio-Atalanta: tris per la...
Attualità
Sarà Singapore la prima capitale asiatica del gelato
Sarà Singapore la prima capitale asiatica del gelato Il Gelato World Tour sceglie Singapore come prima tappa dell’edizione 2015-2017. Sarà la prima volta assoluta per una città asiatica16 gelatieri selezionati dell’Asia/Pacifico dal 20 al 22 marzo 2015...
Economia
FISCO, CONTRIBUENTI.IT: a rischio le imposte di dicembre
FISCO, CONTRIBUENTI.IT: a rischio le imposte di dicembre ROMA - A pochi giorni dalla prima scadenza fiscale (16 dicembre), l'Associazione Contribuenti Italiani con Lo Sportello del Contribuente avvertono che sono "oltre 1,8 MLN i contribuenti che non...
Attualità
The Look of the Year: Antongiulio Grande "Special Guest" della finale internazionale dello storico concorso di moda e bellezza
The Look of the Year: Antongiulio Grande Si è tenuta nei giorni scorsi a Roma presso il giardino d'inverno nel noto grand hotel Excelsior in via Veneto famoso, oltre che per la Dolce Vita, anche per la super suite a cupola da mille e una...
Attualità
TRAME a Courmayeur. Si salda l'alleanza tra il festival dei libri sulle mafie e il "Courmayeur Noir In Festival"
TRAME a Courmayeur. Si salda l'alleanza tra il festival dei libri sulle mafie e il Da Lamezia Terme a  Courmayeur, dalla Calabria alla Val D’Aosta si salda l’alleanza fra “Trame, festival dei libri sulle mafie” e il “Courmayeur Noir In Festival”. E così ì temi della mafia,...

Scuola e Rubriche

Spazio Domenico Romeo
LAMBERTO BORANGA, l'indistruttibile guerriero dello sport
 LAMBERTO BORANGA, l'indistruttibile guerriero dello sport Il mondo del calcio, il mondo dello sport, ci ha abituato a farci conoscere tanti personaggi, tanti uomini che, con la loro indole, hanno arricchito la nostra passione, i nostri sogni, perché icone...
Scuole
Domani manifestazione degli studenti degli istituti superiori lametini in difesa dell’Ospedale
Domani manifestazione degli studenti degli istituti superiori lametini in difesa dell’Ospedale Partirà domani mattina alle 9 dal Liceo Campanella la manifestazione promossa dai rappresentanti studenteschi di tutti gli istituti superiori lametini per tenere alta l’attenzione sulle criticità...
Spazio Domenico Romeo
“IO, ENRICO ALBERTOSI, VI RACCONTO LA MIA VITA”. Intervista esclusiva al portiere storico della Nazionale di calcio
“IO, ENRICO ALBERTOSI, VI RACCONTO LA MIA VITA”. Intervista esclusiva al portiere storico della Nazionale di calcio Ci sono dei personaggi del mondo del calcio che solo a sentire il loro nome, li associ automaticamente a periodi storici della vita, della società, in contesti umani che esulano dalla semplice...
Scuole
Prima lezione su Gioacchino da Fiore per la provincia di Catanzaro
Prima lezione su Gioacchino da Fiore per la provincia di Catanzaro Ci sono personaggi storici calabresi, rilevanti a livello internazionale e studiati in tutto il Mondo, ancora paradossalmente poco conosciuti o del tutto sconosciuti dai loro conterranei… Liceo...
Scuole
Lamezia Terme, si conclude il Piano di Azione Coesione due anni contro la dispersione scolastica
Lamezia Terme, si conclude il Piano di Azione Coesione due anni contro la dispersione scolastica La manifestazione del 15 dicembre 2014, segna la conclusione ufficiale di un lungo percorso del "Piano di Azione Coesione” avviato dall’Istituto Comprensivo “Perri Pitagora” di Lamezia Terme,...
Free Joomla Templates by JoomlaShine.com