Offerte Carrefour

2^ coppa Carnevale MEMORIAL DON PASQUALE LUZZO








MERCEDES CLASSE C

ISO KALOR

MERCEDES CLASSE A

ANGOLO LOCANDINE

Ricerca

FARMACIE DI TURNO

logo_farmacia

STASERA IN TV


stasera-in-tv-finale

IL METEO

Il Meteo

LIBRI IN RECENSIONE

libri

Rubbettino
Il “caso” Lanzetta e quel vento ingannatore di Zefira. Rubbettino ripubblica “Zefira", il romanzo profetico dell’autore di “Anime Nere”
Il “caso” Lanzetta e quel vento ingannatore di Zefira. Rubbettino ripubblica “Zefira Se Gioacchino Criaco, autore del best seller “Anime nere” (dal quale è stato tratto l’applaudissimo film omonimo), l’avesse scritto oggi “Zefira”...
Rubbettino
Esce per Rubbettino “Il sesso dei gatti e altri racconti” la raccolta completa di tutti i racconti di Sharo Gambino
Esce per Rubbettino “Il sesso dei gatti e altri racconti” la raccolta completa di tutti i racconti di Sharo Gambino Nel volume è presente anche il racconto inedito “Il Crocifisso” Esce per Rubbettino “Il sesso dei gatti e altri racconti”, una raccolta postuma di...

Home arrow In Città arrow Cronaca arrow Il padrino Giuseppe Giampà si è pentito perchè aveva paura

Solo Offerte !!! Il sito della convenienza

Il padrino Giuseppe Giampà si è pentito perchè aveva paura

giovedì, 29 agosto 2013

giuseppe-giampE' trascorso quasi un anno da quando Giuseppe Giampà, dopo il suo arresto nell'operazione "Déjà Vu", ha iniziato a collaborare con la giustizia. In un colloquio con la moglie nel carcere manifestò preoccupazione per la situazione che si era creata in città

Sono trascorsi 25 mesi e 8 giorni dal momento in cui Giuseppe Giampà, figlio del boss Francesco soprannominato il "professore", fu sottoposto a fermo di indiziato di delitto dalla Squadra Mobile di Catanzaro, poi trasformato in custodia cautelare in carcere nell'ambito dell'operazione "Déjà Vu". Insieme a lui, con l'accusa di estorsione aggravata dal metodo mafioso ai danni di due imprenditori, G. C. e A. C. impegnati nella realizzazione di complessi edilizi in città, furono fermati Domenico Chirico, Angelo Torcasio e Battista Cosentino. Questi ultimi, dopo pochi giorni dal loro fermo, decisero di diventare collaboratori di giustizia, incominciando così a delineare gli scenari delle organizzazioni criminali lametine nei diversi settori dell'economia locale, sgretolando quel muro di omertà che circondava la cosca Giampà.
Dichiarazioni che contribuirono inoltre a delineare lo scenario giudiziario che il 26 giugno del 2012 si tradusse nell'importante operazione "Medusa", che portò in carcere ben 35 persone tra capi, gregari ed affiliati all'omonima cosca. Tra i destinatari del provvedimento anche il "professore" e Giuseppe Giampà che, dopo 13 mesi dal suo primo arresto, decise di diventare anche lui collaboratore di giustizia "svelando" tutti gli affari della cosca di cui era diventato "il padrino", dopo la scissione all'interno della stessa famiglia con lo zio Vincenzo Bonaddio, anche lui finito nel vortice delle inchieste "Medusa" e "Perseo".

Ma perché l'ex padrino ha deciso di trasformarsi da «pericoloso e cruente criminale» che sentenziava la morte degli avversarsi, in un collaborate ai giustizia svelando così il perverso intreccio malavitoso? Un interrogativo al quale tutti cercano di dare una risposta, anche perché nei verbali, così come hanno fatto gli altri collaboratori, non ha mai spiegato il motivo della sua scelta di diventare un collaboratore di giustizia.
Giuseppe Giampà, probabilmente, ha deciso di abbandonare la famiglia di appartenenza e diventare un "assistente" dello Stato perché anche lui, come gli altri pentiti, temeva delle ritorsioni, delle vendette da parte delle cosche avversarie o addirittura dall'interno della stessa famiglia. Un aspetto, questo, che emerge da un colloquio avvenuto all'interno del carcere di Siano con la moglie Francesca Meliadò, ancor prima di essere raggiunta dal provvedimento restrittivo nell'ambito dell'operazione "Medusa". In questo colloquio, infatti, la moglie manifesta di avere paura per «Mario» e confessa di non dormire la notte. Per questo il marito le suggerisce di dire a Mario» di andarsene da Lamezia. Probabilmente «Mario» è un parente della Meliadò che temeva per la sua incolumità personale e non solo.
Durante il colloquio marito e moglie mostrano forte preoccupazione per la situazione che si era venuta a creare in città. Ma a spingere Giuseppe Giampà a diventare un "servitore" della giustizia, oltre a temere per la sua incolumità e quella dei parenti, sono state anche le dichiarazioni di alcuni collaboratori, soprattutto quelle di Saverio Cappello che lo accusava di essere coinvolto in più azioni omicidiarie così come è emerso dagli atti di "Perseo", che lo vedono mandante di diversi omicidi compiuti in città dal 2004 al 2011.
Giuseppe Giampà ha deciso di diventare collaboratore di giustizia dopo circa 13 mesi dal suo arresto, ed esattamente il 6 settembre del 2012, chiedendo «tramite un familiare di essere sentito, in quanto è mia volontà iniziare un rapporto di collaborazione con la giustizia».
Le dichiarazioni di Giuseppe Giampà hanno consentito alla Dda di Catanzaro, ma soprattutto agli uomini della sezione della criminalità organizzata della Squadra Mobile di Catanzaro, di scoprire «una holding criminale con svariati rami d'azienda, truffe, droga, estorsioni, a cui partecipavano anche professionisti come medici, avvocati, periti e con legami con la politica».
Una cosca quella dei Giampà che per anni, così come emerge dal materiale probatorio che sorregge i molteplici provvedimenti emessi, ha imposto «il dominio soffocante e oppressivo del territorio lametino, da sempre al centro degli interessi, spesso contrapposti, di cruente organizzazioni mafiose la cui sete di potere, di fatto, ha finito con l'impedire alla popolazione civile e agli onesti operatori commerciali l'esercizio di quelle libertà fondamentali, di scelta, di iniziativa economica, di voto, che sono patrimonio irrinuncia bile dell'uomo».
Giuseppe Giampà, fino al giorno del suo arresto, era "Padrino" della omonima cosca, ed aveva «l'autorità, in quanto figlio de "U Prufissuri" di prendere ogni decisione finale, anche in ordine al compimento di azioni omicidiarie per conto della cosca, di dirimere controversie tra gli affiliati, di gestire il controllo del territorio in generale e il traffico degli stupefacenti in particolare e, a partire dal gennaio 2011, di gestire tutte le estorsioni sul territorio di competenza (Nicastro) e zone limitrofe nonché di ordinare omicidi, costituendo altresì importante elemento di collegamento con la ramificazione del "locale" sito in Giussano, in provincia di Milano, attraverso i rapporti privilegiati con Antonio Stagno, soprattutto per l'approvvigionamento di armi e droga».
Un soggetto al quale si rivolgevano in molti anche per compiere atti intimidatori ed omicidi. Come nel caso di un politico che «si rivolse a lui per compiere un atto intimidatorio» o di un soggetto, parente di un altro politico, che si rivolse sempre a Giampa, come riferì in un interrogatorio Angelo Torcasio, «per eliminare una persona che essendo gestore di una ditta di videopoker, faceva concorrenza, dando fastidio, a un altro commerciante del settore amico di Giuseppe Giampà». (Gazzetta del Sud - G.na.)

Commenti Facebook:

0 Commenti

Non vi sono commenti. Sii il primo a commentare questo articolo!

Inserisci un commento
Non verrà pubblicata

Notificami via e-mail le risposte
Ortografia Ortografia

Lameziainstrada su Facebook

Edil Brico S.r.l.

Edil_Brico_Logo_205

Bellezze Nostrane

"bellezze" nostrane!!!

Scrivi a Lameziainstrada

email2

Trasmettici le tue segnalazioni !!!

News Associazione ACU


logo_ACU-Calabria_finale

Viaggi e Turismo
Egitto, Antitrust: tour operator rimborsano per i viaggi annullati
Egitto, Antitrust: tour operator rimborsano per i viaggi annullati L’avv. Sergio Tomaino, Presidente regionale di ACU Calabria, informa della grande vittoria dei...
dom lun mar mer gio ven sab
09 01 02 03 04 05 06 07
10 08 09 10 11 12 13 14
11 15 16 17 18 19 20 21
12 22 23 24 25 26 27 28
13 29 30 31 apr apr apr apr
Prossimi eventi:

Non ci cono prossimi eventi.

Oggi, 2015/03/03
Italia, IT

Il Sole Sorge: 07:48
Tramonta: 18:36

Luna
13 giorni

Ultime Notizie

On. Nicodemo Oliverio: le parole del Papa scuotono le nostre coscienze
On. Nicodemo Oliverio: le parole del Papa scuotono le nostre coscienze "Quando il denaro diventa un idolo, comanda le...
Catanzaro - Vigor Lamezia. I convocati
Catanzaro - Vigor Lamezia. I convocati Sono ventidue i calciatori convocati da mister...

Accesso Utente





Accessi dal 01/01/2012

Città, Lametino e Calabria

Politica Lamezia Terme
“L’idea di Perugini… l’impegno per realizzarla” con Pasqualino Ruberto questa sera su ST TELEVISION
“L’idea di Perugini… l’impegno per realizzarla” con Pasqualino Ruberto questa sera su ST TELEVISION Questa sera alle ore 21 su ST TELEVISION andrà in onda il servizio integrale dell'incontro-dibattito “L’idea di Perugini…l’impegno per realizzarla” tenuto sabato al Teatro Politeama da Pasqualino...
Politica Lamezia Terme
Damiano Carchedi eletto nuovo presidente del Circolo Arci Curinga “Emiliano Fruci“
Damiano Carchedi eletto nuovo presidente del Circolo Arci Curinga “Emiliano Fruci“ Si sono svolti i lavori del 2° congresso che ha portato alla nuova elezioni degli organi statutari. Si è svolto Sabato 28 Febbraio 2015 il 2° congresso del Circolo Arci Curinga “Emiliano Fruci“. Il...
Politica Calabria
On. Nicodemo Oliverio: le parole del Papa scuotono le nostre coscienze
On. Nicodemo Oliverio: le parole del Papa scuotono le nostre coscienze "Quando il denaro diventa un idolo, comanda le scelte dell'uomo. E allora rovina l'uomo e lo condanna". Le espressioni di Francesco, rivolte ai settemila soci della cooperazione in udienza in...
Sport Lamezia Terme
Catanzaro - Vigor Lamezia. I convocati
Catanzaro - Vigor Lamezia. I convocati Sono ventidue i calciatori convocati da mister Erra per la gara contro il Catanzaro in programma domenica 01 Marzo, alle ore 14:00, presso lo Stadio Ceravolo di Catanzaro e valevole per la...
Politica Lamezia Terme
Grandinetti su vicenda Infocontact dichiara ai sindaci: Quando ci si unisce lo si fa insieme fino alla fine
Grandinetti su vicenda Infocontact dichiara ai sindaci: Quando ci si unisce lo si fa insieme fino alla fine Non posso che essere solidale e continuare con loro ogni battaglia per scongiurare la chiusura dei siti  Infocontact dalle città dove insistono le sedi di lavoro. Pertanto dico al sindaco di Soveria...

Nazionale e Mondo

Sport
Fine settimana tra parapendio e deltaplani al Monterosso Meeting in Liguria
Fine settimana tra parapendio e deltaplani al Monterosso Meeting in Liguria Dal 28 febbraio al 1 marzo, meteo permettendo, Monterosso al Mare, la splendida cittadina delle Cinque Terre (La Spezia), ospiterà l'ennesima edizione del tradizionale meeting di parapendio e...
Cronaca
Ospedali Pieni, muore neonata catanese vagando in una Sicilia dove la SANITA' è solo una parola
Ospedali Pieni, muore neonata catanese vagando in una Sicilia dove la SANITA' è solo una parola La piccola, vittima di una crisi respiratoria, non ha trovato posto in 3 ospedali di Catania. La denuncia del padre «Aveva liquido dei polmoni e non c'erano le cannule» Non ce l'ha fatta a...
Cronaca
Ancora una strage di Migranti nello Stretto di Sicilia
Ancora una strage di Migranti nello Stretto di Sicilia Il Progetto Europeo Frontex  destinato a sostituire il benemerito Progetto tutto italiano “Mare Nostrum” che aveva salvato decine di migliaia di migranti  ha due obiettivi: - il primo  quello di...
Attualità
Cinema, dal 12 febbraio il film "Romeo and Juliet" del regista lametino Carlo Carlei
Cinema, dal 12 febbraio il film Uscirà in prima nazionale il prossimo 12 febbraio l'ultimo lavoro cinematografico del regista lametino Carlo Carlei, "Romeo and Juliet". E c'è grande attesa nella sua città, ma anche in tutta la...
Cronaca
NAPOLI, Notte al gelo in ospedale per una "leggera bronchite": morto
NAPOLI,  Notte al gelo in ospedale per una Napoli, vittima un 35enne che ha passato la notte in un angusto corridoio dell'ospedale San Giovanni BoscoIn ospedale con una diagnosi di influenza ed un principio di bronchite, muore 48 ore dopo con...

Scuola e Rubriche

Spazio Domenico Romeo
Reggina-Vigor Lamezia: Mercoledì 11 Marzo ore 14,30
Reggina-Vigor Lamezia: Mercoledì 11 Marzo ore 14,30 La Lega Pro ha reso noti gli orari delle sfide valide per la giornata numero 29 del girone C della Lega Pro, che si disputerà mercoledì 11 marzo 2015.Il derby calabrese tra Reggina e Vigor Lamezia è...
Scuole
Conclusa settimana dello studente al Liceo “Campanella” con la testimonianza del gospel rapper Shoek
Conclusa settimana dello studente al Liceo “Campanella” con la testimonianza del gospel rapper Shoek Laboratori di arte, artigianato, videomaking e giornalismo. Seminari sui temi della salute e del benessere, cineforum, dibattiti su argomenti di attualità, momenti di approfondimento sulle singole...
Spazio Domenico Romeo
Lamezia Terme: presentazione del libro "PERCHE' BRIGANTI?"
Lamezia Terme: presentazione del libro Oggi, Sabato 21 Febbraio alle ore 18,00 presso il salone del Circolo di Riunione, si è svolta la presentazione del libro ‘Perché Briganti?’ (Gigliotti editore), scritto sinergicamente dall’Ing....
Scuole
Alberto Angela incontra gli studenti lametini al Liceo “Campanella”
Alberto Angela incontra gli studenti lametini al Liceo “Campanella” Ritrovarsi nella Pompei del 79 d.c. e calarsi nel quotidiano di uomini e donne che, a poche ore dall’eruzione del Vesuvio, vivevano una vita “normale”, completamente ignari di ciò che stava per...
Scuole
A scuola con la Guardia di Finanza: avviati gli incontri della 3^ edizione del progetto "EDUCAZIONE ALLA LEGALITA' ECONOMICA"
A scuola con la Guardia di Finanza: avviati gli incontri della 3^ edizione del progetto Sabato 14 febbraio sono stati avviati gli incontri della 3^ edizione del progetto “Educazione alla Legalità Economica” con le ultime classi dell’Istituto Tecnico per Geometri e dell’istituto Tecnico...
Free Joomla Templates by JoomlaShine.com