Offerte Carrefour




Costituito il "Club giovani soci della BCC del Lametino". Servizio di Giovanni De Grazia








insieme_possiamo

Foderaro

FODERARO_EOLIE_2014

Vigor Lamezia

Vigor-Lamezia

Ricerca

FARMACIE DI TURNO

logo_farmacia

STASERA IN TV


stasera-in-tv-finale

IL METEO

Il Meteo

LIBRI IN RECENSIONE

libri

Romanzi
Nelle librerie italiane il nuovo libro di Antonio Cannone: Gli Intrusi (Fascino Mortale)
Nelle librerie italiane il nuovo libro di Antonio Cannone: Gli Intrusi (Fascino Mortale) Edito da Città del Sole Edizioni di Reggio Calabria è da poco uscito il libro Gli Intrusi (Fascino Mortale) pagg. 176, scritto dal giornalista e...
Rubbettino
Povertà e terrorismo di Hernando De Soto. RUBBETTINO EDITORE
Povertà e terrorismo di Hernando De Soto. RUBBETTINO EDITORE In questo libro, dedicato all'economia informale del Perù e alle ragioni per cui la povertà può essere un terreno fertile per i terroristi, Hernando...

Home arrow In Città arrow Cronaca arrow Il padrino Giuseppe Giampà si è pentito perchè aveva paura

Il padrino Giuseppe Giampà si è pentito perchè aveva paura

giovedì, 29 agosto 2013

giuseppe-giampE' trascorso quasi un anno da quando Giuseppe Giampà, dopo il suo arresto nell'operazione "Déjà Vu", ha iniziato a collaborare con la giustizia. In un colloquio con la moglie nel carcere manifestò preoccupazione per la situazione che si era creata in città

Sono trascorsi 25 mesi e 8 giorni dal momento in cui Giuseppe Giampà, figlio del boss Francesco soprannominato il "professore", fu sottoposto a fermo di indiziato di delitto dalla Squadra Mobile di Catanzaro, poi trasformato in custodia cautelare in carcere nell'ambito dell'operazione "Déjà Vu". Insieme a lui, con l'accusa di estorsione aggravata dal metodo mafioso ai danni di due imprenditori, G. C. e A. C. impegnati nella realizzazione di complessi edilizi in città, furono fermati Domenico Chirico, Angelo Torcasio e Battista Cosentino. Questi ultimi, dopo pochi giorni dal loro fermo, decisero di diventare collaboratori di giustizia, incominciando così a delineare gli scenari delle organizzazioni criminali lametine nei diversi settori dell'economia locale, sgretolando quel muro di omertà che circondava la cosca Giampà.
Dichiarazioni che contribuirono inoltre a delineare lo scenario giudiziario che il 26 giugno del 2012 si tradusse nell'importante operazione "Medusa", che portò in carcere ben 35 persone tra capi, gregari ed affiliati all'omonima cosca. Tra i destinatari del provvedimento anche il "professore" e Giuseppe Giampà che, dopo 13 mesi dal suo primo arresto, decise di diventare anche lui collaboratore di giustizia "svelando" tutti gli affari della cosca di cui era diventato "il padrino", dopo la scissione all'interno della stessa famiglia con lo zio Vincenzo Bonaddio, anche lui finito nel vortice delle inchieste "Medusa" e "Perseo".

Ma perché l'ex padrino ha deciso di trasformarsi da «pericoloso e cruente criminale» che sentenziava la morte degli avversarsi, in un collaborate ai giustizia svelando così il perverso intreccio malavitoso? Un interrogativo al quale tutti cercano di dare una risposta, anche perché nei verbali, così come hanno fatto gli altri collaboratori, non ha mai spiegato il motivo della sua scelta di diventare un collaboratore di giustizia.
Giuseppe Giampà, probabilmente, ha deciso di abbandonare la famiglia di appartenenza e diventare un "assistente" dello Stato perché anche lui, come gli altri pentiti, temeva delle ritorsioni, delle vendette da parte delle cosche avversarie o addirittura dall'interno della stessa famiglia. Un aspetto, questo, che emerge da un colloquio avvenuto all'interno del carcere di Siano con la moglie Francesca Meliadò, ancor prima di essere raggiunta dal provvedimento restrittivo nell'ambito dell'operazione "Medusa". In questo colloquio, infatti, la moglie manifesta di avere paura per «Mario» e confessa di non dormire la notte. Per questo il marito le suggerisce di dire a Mario» di andarsene da Lamezia. Probabilmente «Mario» è un parente della Meliadò che temeva per la sua incolumità personale e non solo.
Durante il colloquio marito e moglie mostrano forte preoccupazione per la situazione che si era venuta a creare in città. Ma a spingere Giuseppe Giampà a diventare un "servitore" della giustizia, oltre a temere per la sua incolumità e quella dei parenti, sono state anche le dichiarazioni di alcuni collaboratori, soprattutto quelle di Saverio Cappello che lo accusava di essere coinvolto in più azioni omicidiarie così come è emerso dagli atti di "Perseo", che lo vedono mandante di diversi omicidi compiuti in città dal 2004 al 2011.
Giuseppe Giampà ha deciso di diventare collaboratore di giustizia dopo circa 13 mesi dal suo arresto, ed esattamente il 6 settembre del 2012, chiedendo «tramite un familiare di essere sentito, in quanto è mia volontà iniziare un rapporto di collaborazione con la giustizia».
Le dichiarazioni di Giuseppe Giampà hanno consentito alla Dda di Catanzaro, ma soprattutto agli uomini della sezione della criminalità organizzata della Squadra Mobile di Catanzaro, di scoprire «una holding criminale con svariati rami d'azienda, truffe, droga, estorsioni, a cui partecipavano anche professionisti come medici, avvocati, periti e con legami con la politica».
Una cosca quella dei Giampà che per anni, così come emerge dal materiale probatorio che sorregge i molteplici provvedimenti emessi, ha imposto «il dominio soffocante e oppressivo del territorio lametino, da sempre al centro degli interessi, spesso contrapposti, di cruente organizzazioni mafiose la cui sete di potere, di fatto, ha finito con l'impedire alla popolazione civile e agli onesti operatori commerciali l'esercizio di quelle libertà fondamentali, di scelta, di iniziativa economica, di voto, che sono patrimonio irrinuncia bile dell'uomo».
Giuseppe Giampà, fino al giorno del suo arresto, era "Padrino" della omonima cosca, ed aveva «l'autorità, in quanto figlio de "U Prufissuri" di prendere ogni decisione finale, anche in ordine al compimento di azioni omicidiarie per conto della cosca, di dirimere controversie tra gli affiliati, di gestire il controllo del territorio in generale e il traffico degli stupefacenti in particolare e, a partire dal gennaio 2011, di gestire tutte le estorsioni sul territorio di competenza (Nicastro) e zone limitrofe nonché di ordinare omicidi, costituendo altresì importante elemento di collegamento con la ramificazione del "locale" sito in Giussano, in provincia di Milano, attraverso i rapporti privilegiati con Antonio Stagno, soprattutto per l'approvvigionamento di armi e droga».
Un soggetto al quale si rivolgevano in molti anche per compiere atti intimidatori ed omicidi. Come nel caso di un politico che «si rivolse a lui per compiere un atto intimidatorio» o di un soggetto, parente di un altro politico, che si rivolse sempre a Giampa, come riferì in un interrogatorio Angelo Torcasio, «per eliminare una persona che essendo gestore di una ditta di videopoker, faceva concorrenza, dando fastidio, a un altro commerciante del settore amico di Giuseppe Giampà». (Gazzetta del Sud - G.na.)

Commenti Facebook:

0 Commenti

Non vi sono commenti. Sii il primo a commentare questo articolo!

Inserisci un commento
Non verrà pubblicata

Notificami via e-mail le risposte
Ortografia Ortografia

Lameziainstrada su Facebook

BRAM HOTEL

BRAM HOTEL

Scrivi a Lameziainstrada

email2

Trasmettici le tue segnalazioni !!!

News Associazione ACU


logo_ACU-Calabria_finale

News ed informazioni
Konsumer Italia e Konsumer Calabria : Poste Pay, sono contratti bancari non figurine da collezione
Konsumer Italia e Konsumer Calabria : Poste Pay, sono contratti bancari non figurine da collezione Konsumer Italia e Konsumer Calabria "Increduli davanti a ciò che appare pratica commerciale...
News ed informazioni
Carburanti, prezzi a portata di mano con una App
Carburanti, prezzi a portata di mano con una App ACU CALABRIA comunica che continua e si arricchisce l’attività del ministero dello Sviluppo...
News ed informazioni
Fisco: TASI ed IMU, illegittimo il pagamento fissato per il 16 giugno
 Fisco: TASI ed IMU, illegittimo il pagamento fissato per il 16 giugno Se così fosse sarebbe in contrasto allo statuto del Contribuente - Konsumer Italia propone il...
dom lun mar mer gio ven sab
31 lug lug lug lug lug 01 02
32 03 04 05 06 07 08 09
33 10 11 12 13 14 15 16
34 17 18 19 20 21 22 23
35 24 25 26 27 28 29 30
36 31 set set set set set set
Prossimi eventi:

Non ci cono prossimi eventi.

Oggi, 2014/08/02
Italia, IT

Il Sole Sorge: 05:31
Tramonta: 20:40

Luna
6 giorni

Accesso Utente





Accessi dal 01/01/2012

Città, Lametino e Calabria

Notizie varie Calabria
Lo Specchio, ambiziosa band consentina, è diventata la Cover Band Ufficiale dei NOMADI
Lo Specchio, ambiziosa band consentina, è diventata la Cover Band Ufficiale dei NOMADI La passione nei confronti della band emiliana e l’amore per la musica hanno fatto da collante per i membri de Lo Specchio che hanno proposto il loro repertorio agli stessi Nomadi per ricevere...
Politica Calabria
#cambiamolacalabria: Una grande "Speranza" di Giuseppe Politanò - Polistena
#cambiamolacalabria:  Una grande “Partiti. Dopo le inammissibili vicende che hanno caratterizzato la politica e le istituzioni regionali negli ultimi mesi, è finalmente arrivato il momento che i calabresi ritornino alle urne e...
Manifestazioni Calabria
“FATTI DI MUSICA”: In Calabria tutto pronto per Micaela, Loredana Bertè, Afterhours, Caparezza, Pino Daniele
“FATTI DI MUSICA”: In Calabria tutto pronto per Micaela, Loredana Bertè, Afterhours, Caparezza, Pino Daniele “Fatti di Musica Radio Juke Box Estate 2014”, la ventottesima edizione della rassegna del live d’autore, ideata e diretta da Ruggero Pegna, sta per inondare di musica le principali località...
Politica Calabria
Galati (FI): “Inammissibile escludere la Calabria dal tavolo sulla sanità”. Lo sblocco del turn-over determinante per garantire i servizi ai cittadini
Galati (FI): “Inammissibile escludere la Calabria dal tavolo sulla sanità”. Lo sblocco del turn-over determinante per garantire i servizi ai cittadini “Decisione incomprensibile ed irresponsabile quella di escludere la Calabria dal tavolo sulla sanità che si terrà a Roma il 4 agosto”. E’ quanto afferma il deputato di Forza Italia On. Giuseppe...
Politica Calabria
SEL sui BRONZI RIACE all'EXPO: No allo spostamento. Verificare i rischi
SEL sui BRONZI RIACE all'EXPO: No allo spostamento. Verificare i rischi Interrogazione al Ministro dei beni e le attività culturaliI deputati di Sel Annalisa Pannarale, Celeste Costantino e Arturo Scotto hanno presentato una interrogazione al Ministro Franceschini per...

Nazionale e Mondo

Politica
Maroni e Sgarbi vogliono i Bronzi di Riace. Il critico: «Fragili e impossibili da spostare? No, sono solo ostaggio della 'ndrangheta»
Maroni e Sgarbi vogliono i Bronzi di Riace. Il critico: «Fragili e impossibili da spostare? No, sono solo ostaggio della 'ndrangheta» Il presidente del consiglio regionale Francesco Talarico: «Frasi che lasciano sbigottiti» Ci risiamo. Ancora una volta i Bronzi di Riace tornano alla ribalta delle polemiche. Il critico Vittorio...
Cronaca
INIEZIONE LETALE: due ore di agonia prima di morire. Esecuzione shoch negli Stati Uniti
INIEZIONE LETALE: due ore di agonia prima di morire. Esecuzione shoch negli Stati Uniti 117 minuti per morire dopo un'iniezione letale. Un'agonia senza precedenti quella sofferta da Joseph Wood, rinchiuso nel braccio della morte dal 1989 per l'uccisione della fidanzata e del padre di...
Cronaca
GdF BARI: "OPERAZIONE ALIUD PRO OLIO". Frodi nel settore oleario. Eseguiti 16 arresti ed altrettanti sequestri preventivi d'azienda in Puglia e Calabria
GdF BARI: L’attività di indagine, coordinata dal Procuratore Capo Dott. Carlo Maria Capristo e dal Sostituto Procuratore Dott. Antonio Savasta della Procura della Repubblica di Trani, è il risultato della...
Cronaca
«Minchia come m'è riuscito». Riina intercettato rivela come ha ucciso il giudice Borsellino
«Minchia come m'è riuscito». Riina intercettato rivela come ha ucciso il giudice Borsellino PALERMO - «Un colpo geniale. Lui va a suonare e si spara la bomba, si spara la bomba lui stesso». In pieno delirio di onnipotenza, ricordando i tempi in cui era lui il capo assoluto di Cosa Nostra,...
Sport
Sulle rotte del grifone in deltaplano e parapendio
Sulle rotte del grifone in deltaplano e parapendio E' stata pubblicata in internet l'anteprima (trailer) di un documentario naturalistico e sportivo che presenta al pubblico la vita di una specie maestosa di rapaci, i grifoni europei, in maniera...

Scuola e Rubriche

Scuole
Il sindaco Speranza si congratula con i ragazzi del liceo scientifico vincitori del premio nazionale sull’educazione ambientale
Il sindaco Speranza si congratula con i ragazzi del liceo scientifico vincitori del premio nazionale  sull’educazione ambientale Il sindaco di Lamezia Terme, Gianni Speranza, ha espresso le sue felicitazioni, a nome dell’Amministrazione comunale e di tutta la città, ai ragazzi del Liceo Scientifico “Galileo Galilei” di Lamezia...
Scuole
Scuola, vacanze più lunghe per studenti calabresi. Ufficiale il calendario: si riparte il 15 settembre
 Scuola, vacanze più lunghe per studenti calabresi. Ufficiale il calendario: si riparte il 15 settembre Sono stati ufficializzati i calendari per il prossimo anno scolastico. In Calabria le scuole riapriranno a metà mese, con una scelta adottata anche da molte altre regioni e che allunga il periodo di...
Scuole
IPSIA: corso serale ufficialmente chiuso a causa delle "assenze reiterate degli alunni"
IPSIA: corso serale ufficialmente chiuso a causa delle LAMEZIA TERME - Dal prossimo anno scolastico il corso serale del Professionale per l'Industria e l'Artigianato non esisterà più. Ormai è ufficiale. E' quanto si evince dalla lettura del prospetto...
Spazio Domenico Romeo
FINANZIAMENTO GAY PRIDE Reggio Calabria: PRECISAZIONI
FINANZIAMENTO GAY PRIDE Reggio Calabria: PRECISAZIONI In relazione all’articolo del 13.06.2014 denominato "CALABRIA: si finanza il Gay Pride, si abbattono i trasporti regionali", questa testata ha ricevuto una segnalazione da parte della Sig.ra...
Scuole
Lamezia Terme - Integrata l’Offerta formativa dell’Istituto Borrello-Fiorentino con il Piano Operativo Nazionale sulla “Prevenzione dei rischi in età scolare”
Lamezia Terme - Integrata l’Offerta formativa dell’Istituto Borrello-Fiorentino con il Piano Operativo Nazionale sulla “Prevenzione dei rischi in età scolare” L’Istituto Comprensivo “Borrello - Fiorentino” di Lamezia Terme, diretto da Albino Cuda, puntualmente, anche quest’anno ha ampliato la propria offerta formativa con l’inserimento di  un Piano...
Free Joomla Templates by JoomlaShine.com