Offerte Carrefour

AIRC 2015: "Contro il cancro io CI SONO"








MERCEDES CLASSE A

ISO KALOR

MERCEDES CLASSE A

ANGOLO LOCANDINE

Ricerca

FARMACIE DI TURNO

logo_farmacia

STASERA IN TV


stasera-in-tv-finale

IL METEO

Il Meteo

LIBRI IN RECENSIONE

libri

Romanzi
Lamezia, martedì 27 presentazione del libro "Gaia e la Festa di Primavera"
Lamezia, martedì 27 presentazione del libro Si terrà a Lamezia terme, martedì 27  gennaio alle ore 18,00 presso Palazzo Nicotera, la presentazione del  libro "Gaia e la Festa di Primavera" (ed....
Rubbettino
L'altro Islam di Karim Mezran, Ahmad Gianpiero Vincenzo. Rubbettino Editore
L'altro Islam di Karim Mezran, Ahmad Gianpiero Vincenzo. Rubbettino Editore Dopo Platone, mentre in Europa la filosofia della politica e della storia attendevano ancora un Machiavelli per vedere compiutamente la luce, nel...

Home arrow In Città arrow Cronaca arrow Il padrino Giuseppe Giampà si è pentito perchè aveva paura

Solo Offerte !!! Il sito della convenienza

Il padrino Giuseppe Giampà si è pentito perchè aveva paura

giovedì, 29 agosto 2013

giuseppe-giampE' trascorso quasi un anno da quando Giuseppe Giampà, dopo il suo arresto nell'operazione "Déjà Vu", ha iniziato a collaborare con la giustizia. In un colloquio con la moglie nel carcere manifestò preoccupazione per la situazione che si era creata in città

Sono trascorsi 25 mesi e 8 giorni dal momento in cui Giuseppe Giampà, figlio del boss Francesco soprannominato il "professore", fu sottoposto a fermo di indiziato di delitto dalla Squadra Mobile di Catanzaro, poi trasformato in custodia cautelare in carcere nell'ambito dell'operazione "Déjà Vu". Insieme a lui, con l'accusa di estorsione aggravata dal metodo mafioso ai danni di due imprenditori, G. C. e A. C. impegnati nella realizzazione di complessi edilizi in città, furono fermati Domenico Chirico, Angelo Torcasio e Battista Cosentino. Questi ultimi, dopo pochi giorni dal loro fermo, decisero di diventare collaboratori di giustizia, incominciando così a delineare gli scenari delle organizzazioni criminali lametine nei diversi settori dell'economia locale, sgretolando quel muro di omertà che circondava la cosca Giampà.
Dichiarazioni che contribuirono inoltre a delineare lo scenario giudiziario che il 26 giugno del 2012 si tradusse nell'importante operazione "Medusa", che portò in carcere ben 35 persone tra capi, gregari ed affiliati all'omonima cosca. Tra i destinatari del provvedimento anche il "professore" e Giuseppe Giampà che, dopo 13 mesi dal suo primo arresto, decise di diventare anche lui collaboratore di giustizia "svelando" tutti gli affari della cosca di cui era diventato "il padrino", dopo la scissione all'interno della stessa famiglia con lo zio Vincenzo Bonaddio, anche lui finito nel vortice delle inchieste "Medusa" e "Perseo".

Ma perché l'ex padrino ha deciso di trasformarsi da «pericoloso e cruente criminale» che sentenziava la morte degli avversarsi, in un collaborate ai giustizia svelando così il perverso intreccio malavitoso? Un interrogativo al quale tutti cercano di dare una risposta, anche perché nei verbali, così come hanno fatto gli altri collaboratori, non ha mai spiegato il motivo della sua scelta di diventare un collaboratore di giustizia.
Giuseppe Giampà, probabilmente, ha deciso di abbandonare la famiglia di appartenenza e diventare un "assistente" dello Stato perché anche lui, come gli altri pentiti, temeva delle ritorsioni, delle vendette da parte delle cosche avversarie o addirittura dall'interno della stessa famiglia. Un aspetto, questo, che emerge da un colloquio avvenuto all'interno del carcere di Siano con la moglie Francesca Meliadò, ancor prima di essere raggiunta dal provvedimento restrittivo nell'ambito dell'operazione "Medusa". In questo colloquio, infatti, la moglie manifesta di avere paura per «Mario» e confessa di non dormire la notte. Per questo il marito le suggerisce di dire a Mario» di andarsene da Lamezia. Probabilmente «Mario» è un parente della Meliadò che temeva per la sua incolumità personale e non solo.
Durante il colloquio marito e moglie mostrano forte preoccupazione per la situazione che si era venuta a creare in città. Ma a spingere Giuseppe Giampà a diventare un "servitore" della giustizia, oltre a temere per la sua incolumità e quella dei parenti, sono state anche le dichiarazioni di alcuni collaboratori, soprattutto quelle di Saverio Cappello che lo accusava di essere coinvolto in più azioni omicidiarie così come è emerso dagli atti di "Perseo", che lo vedono mandante di diversi omicidi compiuti in città dal 2004 al 2011.
Giuseppe Giampà ha deciso di diventare collaboratore di giustizia dopo circa 13 mesi dal suo arresto, ed esattamente il 6 settembre del 2012, chiedendo «tramite un familiare di essere sentito, in quanto è mia volontà iniziare un rapporto di collaborazione con la giustizia».
Le dichiarazioni di Giuseppe Giampà hanno consentito alla Dda di Catanzaro, ma soprattutto agli uomini della sezione della criminalità organizzata della Squadra Mobile di Catanzaro, di scoprire «una holding criminale con svariati rami d'azienda, truffe, droga, estorsioni, a cui partecipavano anche professionisti come medici, avvocati, periti e con legami con la politica».
Una cosca quella dei Giampà che per anni, così come emerge dal materiale probatorio che sorregge i molteplici provvedimenti emessi, ha imposto «il dominio soffocante e oppressivo del territorio lametino, da sempre al centro degli interessi, spesso contrapposti, di cruente organizzazioni mafiose la cui sete di potere, di fatto, ha finito con l'impedire alla popolazione civile e agli onesti operatori commerciali l'esercizio di quelle libertà fondamentali, di scelta, di iniziativa economica, di voto, che sono patrimonio irrinuncia bile dell'uomo».
Giuseppe Giampà, fino al giorno del suo arresto, era "Padrino" della omonima cosca, ed aveva «l'autorità, in quanto figlio de "U Prufissuri" di prendere ogni decisione finale, anche in ordine al compimento di azioni omicidiarie per conto della cosca, di dirimere controversie tra gli affiliati, di gestire il controllo del territorio in generale e il traffico degli stupefacenti in particolare e, a partire dal gennaio 2011, di gestire tutte le estorsioni sul territorio di competenza (Nicastro) e zone limitrofe nonché di ordinare omicidi, costituendo altresì importante elemento di collegamento con la ramificazione del "locale" sito in Giussano, in provincia di Milano, attraverso i rapporti privilegiati con Antonio Stagno, soprattutto per l'approvvigionamento di armi e droga».
Un soggetto al quale si rivolgevano in molti anche per compiere atti intimidatori ed omicidi. Come nel caso di un politico che «si rivolse a lui per compiere un atto intimidatorio» o di un soggetto, parente di un altro politico, che si rivolse sempre a Giampa, come riferì in un interrogatorio Angelo Torcasio, «per eliminare una persona che essendo gestore di una ditta di videopoker, faceva concorrenza, dando fastidio, a un altro commerciante del settore amico di Giuseppe Giampà». (Gazzetta del Sud - G.na.)

Commenti Facebook:

0 Commenti

Non vi sono commenti. Sii il primo a commentare questo articolo!

Inserisci un commento
Non verrà pubblicata

Notificami via e-mail le risposte
Ortografia Ortografia

Lameziainstrada su Facebook

Edil Brico S.r.l.

Edil_Brico_Logo_205

Bellezze Nostrane

"bellezze" nostrane!!!

Scrivi a Lameziainstrada

email2

Trasmettici le tue segnalazioni !!!

News Associazione ACU


logo_ACU-Calabria_finale

Viaggi e Turismo
Egitto, Antitrust: tour operator rimborsano per i viaggi annullati
Egitto, Antitrust: tour operator rimborsano per i viaggi annullati L’avv. Sergio Tomaino, Presidente regionale di ACU Calabria, informa della grande vittoria dei...
News ed informazioni
ACU CALABRIA: l'Eni dovrà riconoscere indennizzo a oltre 100mila clienti per disservizi su bollette
ACU CALABRIA: l'Eni dovrà riconoscere indennizzo a oltre 100mila clienti per disservizi su bollette L’avv. Sergio Tomaino, Presidente di ACU Calabria, informa che l’Eni dovrà riconoscere 25 euro di...
dom lun mar mer gio ven sab
01 dic dic dic dic 01 02 03
02 04 05 06 07 08 09 10
03 11 12 13 14 15 16 17
04 18 19 20 21 22 23 24
05 25 26 27 28 29 30 31
Prossimi eventi:

Non ci cono prossimi eventi.

Oggi, 2015/01/28
Italia, IT

Il Sole Sorge: 08:50
Tramonta: 17:35

Luna
8 giorni

Ultime Notizie

GOVERNO, GALATI (FI): Renzi nomini un ministro per il Mezzogiorno
GOVERNO, GALATI (FI): Renzi nomini un ministro per il Mezzogiorno “E’ urgente che nell’esecutivo Renzi entri subito...
La friulana Nicole Fedele terza ai mondiali di parapendio in Colombia
La friulana Nicole Fedele terza ai mondiali di parapendio in Colombia La quattordicesima edizione dei campionati del...
Altra Lamezia: Striscioni di solidarietà con il centro sociale Dordoni
Altra Lamezia: Striscioni di solidarietà con il centro sociale Dordoni Dopo l'assemblea antifascista studentesca tenuta...

Accesso Utente





Accessi dal 01/01/2012

Città, Lametino e Calabria

Politica Calabria
GOVERNO, GALATI (FI): Renzi nomini un ministro per il Mezzogiorno
GOVERNO, GALATI (FI): Renzi nomini un ministro per il Mezzogiorno “E’ urgente che nell’esecutivo Renzi entri subito un ministro per il Mezzogiorno. Il Sud del vecchio continente e le sue incombenti questioni sono tornate ad essere centrali dopo la vittoria della...
Cronaca Lamezia Terme
Omicidio Gigliotti: ucciso con 4 colpi di pistola. Si visionano le telecamere della città
Omicidio Gigliotti: ucciso con 4 colpi di pistola. Si visionano le telecamere della città Quattro colpi di pistola, probabilmente a tamburo, per uccidere Domenico Maria Gigliotti, 41 anni. Questo h stabilito l'autopsia eseguita nel tardo pomeriggio di ieri - su disposizione del sostituto...
Politica Lamezia Terme
Altra Lamezia: Striscioni di solidarietà con il centro sociale Dordoni
Altra Lamezia: Striscioni di solidarietà con il centro sociale Dordoni Dopo l'assemblea antifascista studentesca tenuta lo scorso sabato contemporaneamente alla grande manifestazione di Cremona, abbiamo voluto marcare con ancora più forza la nostra solidarietà al Centro...
Comunicati Stampa
Igerslameziaterme: 34-bis è l'articolo che proponiamo di inserire in Costituzione. Accesso ad Internet come diritto sociale
Igerslameziaterme: 34-bis è l'articolo che proponiamo di inserire in Costituzione. Accesso ad Internet come diritto sociale Esso riconosce la connessione come diritto sociale e lo ricollega al diritto oggi più importante: l’istruzione (art. 34 Costituzione). Internet è esercizio di tutti i diritti e doveri, è possibilità...
Politica Lametino
Il vice-sindaco di Soveria Mannelli, Filippo Martino Garofalo, all'inaugurazione dell'anno accademico dell'UNICAL
Il vice-sindaco di Soveria Mannelli, Filippo Martino Garofalo, all'inaugurazione dell'anno accademico dell'UNICAL C’era anche la rappresentanza del Comune di Soveria Mannelli, nella persona del vice sindaco Filippo Martino Garofalo, all’inaugurazione dell’anno accademico 2014/2015 dell’Unical.Il vice sindaco, in...

Nazionale e Mondo

Sport
La friulana Nicole Fedele terza ai mondiali di parapendio in Colombia
La friulana Nicole Fedele terza ai mondiali di parapendio in Colombia La quattordicesima edizione dei campionati del mondo di parapendio si è conclusa a Roldanillo in Colombia, cittadina affacciata sulla Valle del Cauca.Delle dodici giornate di gara previste ne sono...
Cronaca
OPERAZIONE “MATCH OFF”: blitz contro la pirateria. Oscurati 124 siti del calcio online
OPERAZIONE “MATCH OFF”: blitz contro la pirateria. Oscurati 124 siti del calcio online Oscurati 124 siti web dai finanzieri del Comando Unità Speciali in una vasta operazione di contrasto alla pirateria audiovisiva in corso da stamattina.I finanzieri del Nucleo Speciale Frodi...
Sport
Italia pronta al via ai campionati del mondo di parapendio in Colombia
Italia pronta al via ai campionati del mondo di parapendio in Colombia Con una sfilata alla quale hanno assistito circa diecimila persone, si èaperta la quattordicesima edizione dei campionati del mondo di parapendio aRoldanillo in Colombia.Partecipano 150 piloti in...
Attualità
Lo stilista Anton Giulio Grande, special Guest, al Capodanno ortodosso al casinò svizzero
Lo stilista Anton Giulio Grande, special Guest, al Capodanno ortodosso al casinò svizzero Questa sera, al casinò svizzero di Campione d'Italia, un 'imperdibile serata di gala: il capodanno ortodosso, che vedrà lo stilista Anton Giulio Grande protagonista e special Guest per questo evento...
Attualità
Anton Giulio Grande, special guest, al capodanno ordotosso
Anton Giulio Grande, special guest, al capodanno ordotosso Martedì 13 gennaio 2015 al Casinà di Campione d'Italia un'imperdibile sarata di gala: il Capodanno Ortodosso. Grandi esibizioni con il Teatro di Mosca Cludaki, la compagnia di ballo Ucraina "Life" e...

Scuola e Rubriche

Scuole
Viaggio sul Treno della memoria: 28 studenti lametini parteciperanno
Viaggio sul Treno della memoria: 28 studenti lametini parteciperanno Tornare nei luoghi dove si è consumata la più grande tragedia del XX secolo per toccare con mano le ferite della storia, i segni ancora visibili della barbarie umana e del dolore innocente, e...
Scuole
SCUOLE: Manifestazioni per il giorno della memoria
SCUOLE: Manifestazioni per il giorno della memoria Martedì 27 gennaio 2015 presso l’Aula Magna dell’Università della Calabria si terrà, in occasione del “Giorno della Memoria”, una manifestazione commemorativa in ricordo dello sterminio e delle...
Spazio Domenico Romeo
L'antico ed immortale fascino del DERBY dello Stretto
L'antico ed immortale fascino del DERBY dello Stretto Dai tre ai sette chilometri. Dal punto più vicino, al punto più lontano, più ampio nell’ambito di un raggio geografico. Questa è la distanza che intercorre fra Reggio Calabria e Messina, le uniche...
Scuole
Anche il Comune di Lamezia Terme parteciperà alla terza edizione di RAEE@scuola
Anche il Comune di Lamezia Terme parteciperà alla terza edizione di RAEE@scuola Anche il Comune di Lamezia Terme,  insieme ad altri 50 comuni italiani, parteciperà quest’anno alla terza edizione di RAEE@scuola, un progetto nazionale di comunicazione ed educazione ambientale...
Free Joomla Templates by JoomlaShine.com